Controllo chimico sugli accessori

10 nuove sostanze aggiunte alla Candidate List


 

Il 27 giugno 2018 l’ECHA, con il coinvolgimento del Comitato degli Stati Membri (MSC), ha aggiunto 10 sostanze alla List of substances of very high concern (SVHCs).

In questo elenco vengono inserite le sostanze che possono avere gravi effetti sulla salute umana o sull’ambiente. Sono sostanze candidate all’eventuale inclusione nell’elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione. Per essere utilizzate nei processi industriali è necessario richiedere il permesso all’ECHA dopo la data di inclusione nella lista.

 

Gli obblighi gravanti sulle società per l’uso delle sostanze nella candidate list possono essere applicati alla sostanza elencata singolarmente, in miscele o in articoli.  In particolare, qualsiasi fornitore di articoli contenenti una SVHCs al di sopra di una concentrazione dello 0,1% (peso/peso) ha l’obbligo di comunicazione nei confronti dei clienti e dei consumatori.  

(Controllo chimico sugli accessori)

 

L’ ottametilciclotetrasilossano (D4), il decametilciclopentasilossano (D5) già inserite in restrizione con il Regolamento (UE) 2018/35 alla voce 70, e la new entry dodecametilcicloesasilossano (D6) sono inserite nella candidate list a causa della loro pericolosità per l’ambiente (PBT e vPvB).   Queste sostanze sono utilizzate anche nei prodotti per il trattamento e colorazione dei tessuti.

 

 

E’ stata poi aggiunta una molecola appartenente alla famiglia degli idrocarburi policiclici aromatici, il Benzo[ghi]perilene, anch’esso pericoloso per l’ambiente (PBT e vPvB).

Il terfenile idrogenato è sostanza utilizzata come additivo nei materiali plastici, come solvente, in rivestimenti superficiali e inchiostri, in adesivi e sigillanti e in fluidi scambiatori di calore, ed è vPvB.

L’ etilendiammina (EDA) è stata aggiunta perché è un sensibilizzante respiratorio, ed è presente in adesivi e sigillanti, rivestimenti superficiali, stucchi, gessi e paste da modellare, regolatori di pH e prodotti per il trattamento delle acque.

Un altro sensibilizzante respiratorio inserito è l’anidride trimellitica (TMA), usata nella produzione di esteri e polimeri.

 

L’ultima sostanza aggiunta appartiene alla famiglia degli ftalati.   Il dicicloesil ftalato (DCHP), tossico per la riproduzione e perturbatore endocrino, usato nei plastisol, nel PVC, nelle gomme e nella plastica.

Questa sostanza negli Stati Uniti è soggetta a restrizioni nei giocattoli e prodotti di puericultura secondo il Consumer Product Safety Improvement Act (<0.1% ) ma non è tra gli ftalati soggetti a restrizioni per lo stesso uso in UE (allegato XVII REACH voci 51 e 52).  Tale ftalato non è tra quelli proposti per la restrizione nel tessile notificati al WTO.